La lotta alla malnutrizione è uno dei nostri punti di forza.
Attraverso progetti a medio e lungo tempo, lottiamo contro questa piaga dovuta principalmente agli scompensi economici, al cambiamento climatico e ai conflitti. L’Africa e l’Asia sono i continenti in cui questi fattori si manifestano con più crudeltà. Nel loro insieme ospitano il 90% della malnutrizione cronica e acuta a livello globale. Qui circa un bambino su tre è affetto da malnutrizione cronica.*

Secondo il rapporto dell’ONU del 2019:
“In Africa la situazione è estremamente allarmante perché ha i più alti tassi di fame nel mondo, che continuano ad aumentare lentamente ma costantemente: quasi un terzo della popolazione (30,8%) è denutrita”.
Sappiamo che i bambini e le donne sono i maggiormente colpiti dalla malnutrizione come dai conflitti e dalle fluttuazioni economiche. Per questo la lotta alla malnutrizione significa anche sviluppo economico, cure sanitarie e pacificazione. Siamo in prima fila e al fianco di altre organizzazioni per portare avanti questi obiettivi in Congo, Sierra Leone e India.

Dati e cifre*

  • Numero di persone affamate nel mondo nel 2018:
    821,6 milioni (pari a 1 su 9)
    in Asia: 513,9 milioni
    in Africa: 256,1 milioni
    in America Latina e nei Caraibi: 42,5 milioni
  • Numero di persone in stato di insicurezza alimentare moderata o grave: 2 miliardi (26,4%)
  • Bambini con basso peso alla nascita: 20,5 milioni (1 su 7)
  • Bambini al di sotto dei 5 anni affetti da rachitismo (bassa statura rispetto all’età): 148,9 milioni (21,9%)
  • Bambini al di sotto dei 5 anni che soffrono di deperimento (scarso peso rispetto all’altezza): 49,5 milioni (7,3%)

*Rapporto ONU 2019