Blog

Se non vanno a scuola che ne sarà di loro?

Nella R. D. del Congo quasi 5 milioni di bambini non hanno accesso alla scuola primaria e 1,5 milioni non riescono a finire gli studi a causa della povertà.

Le cause sono molteplici:

– in molte zone del paese non esistono edifici scolastici e lo Stato non riesce a garantire il funzionamento delle scuole esistenti.

– la gran parte delle famiglie sono troppo povere per pagare il costo delle tasse scolastiche, dei libri, del materiale e dello stipendio degli insegnati che è a carico degli studenti.

Il risultato è che i bambini più poveri sono destinati all’ignoranza e ad una vita di miseria.

Per loro non ci sarebbe futuro…per questo Padre Querzani ha organizzato la Scuola di Recupero “Elimu Kwa Wote” (che in swahili vuol dire “Istruzione per tutti”) per i bambini e bambine che non hanno potuto andare a scuola e che cosi possono iniziare una nuova vita e seguire gli studi dalla prima elementare fino all’esame di stato.

Già a settembre sarà operativa con la presenza di circa 200 bambini e anche una piccola classe formate dalle mamme analfabete che frequentano già anche la scuola Nyota di Taglio e Cucito per imparare una professione che le possa rendere indipendenti e che possa aiutarle a sfamare la loro famiglia.

COME CUBAKA

È un ragazzino di 9 anni di Bukavu, sia lui che suo fratello sono stati assistiti nella Casa Famiglia e nel Centro Nutrizionale di Padre Querzani perché i loro genitori sono poveri e in famiglia riescono a malapena a trovare i soldi per mangiare… ma Cubaka è un ragazzino intelligente e sa che senza scuola il suo destino è segnato e sarà costretto ad una vita di miseria.

Con Padre Querzani ci siamo impegnati ad aiutare Cubaka e tanti altri bambini poveri di Bukavu e sostenerli per permettergli di frequentare la scuola di Recupero ed avere una speranza per il futuro.

Già anni fa Padre Guerzani aveva fondato la scuola Elimu Kwa wote che dava istruzione gratuita a tanti bambini e bambine poveri, poi dietro le promesse del governo di rendere l’istruzione di base obbligatoria e gratuita aveva deciso di utilizzare i fondi destinati alla scuola al Centro Nutrizionale di cui c’era sempre più bisogno. Purtroppo però la situazione attuale evidenza che i bambini poveri ovviamente non riescono a pagare la loro parte di salario per gli insegnanti ed il materiale didattico e quindi non sono ammessi nelle scuole pubbliche, ragion per cui Padre Querzani ci ha chiesto di aiutarlo nello sforzo di riattivare la Scuola di Recupero e poter dare un’istruzione di base in maniera gratuita a coloro che non possono permettersi di pagare per essa.

LA RICHIESTA DI AIUTO DI PADRE GIOVANNI QUERZANI

Come sapete abbiamo incontrato nel mese di luglio Padre Querzani e ci ha raccontato la storia del piccolo Cubaka, di Mbila, di Mirali, di Baraka e di tanti altri bambine e bambini di Bukavu devastati da malnutrizione infantile e povertà a cui lui offre assistenza e dona uno spiraglio di luce oltre che con il Centro Nutrizionale anche con la Scuola “Elimu Kwa Wote”.

A Bukavu ogni bambino ha la sua storia, quelle dei bambini di Padre Giovanni sono spesso storie drammatiche di orfani, abbandonati, terrorizzati dalla violenza che vedono intorno a sé; bambini che hanno dovuto rinunciare alla scuola perché le loro famiglie – o quello che ne è rimasto – sono troppo povere.

Per un bambino come Cubaka andare a scuola vuol dire non essere costretto a lavorare nei campi già dai 10 anni, non diventare un bambino di strada che vive di elemosina o peggio ancora un bambino soldato che muore ed uccide per un pezzo di pane. Per una bambino come Mbila andare a scuola significa invece non essere violentata dai soldati in mezzo ai campi dove lavora e non diventare una schiava del sesso.

LA SCUOLA DI RECUPERO ELIMA KWA WOTE È LA LORO UNICA SALVEZZA

Insieme possiamo aiutare Chubaka, Mbila, Baraka, Mirali e gli altri bambini ad avere un futuro diverso: offri il tuo contributo perché possano avere libri, quaderni e materiale scolastico di base e possano pagare la loro quota per lo stipendio dei maestri.

Basta poco e il tuo aiuto è decisivo per salvare questi bambini:

Con 15 euro possiamo offrire 3 kit di materiale scolastico di base a 3 bambini

Con 30 euro possiamo offrire i libri necessari ed i quaderni a 5 bambini

Con 100 euro possiamo regalare un anno intero di scuola ad 1 bambino.

Non possiamo abbandonarli ora: aiuta con noi Cubaka ad avere un’istruzione ed un futuro, aiutaci a sostenere Padre Querzani anche in questo progetto.

Commenta