Blog

Una lettera dal Congo da Padre Querzani per la Pasqua 2018

Il nostro collaboratore ci aggiorna sulla difficile situazione del Congo e sull’aumento del numero dei bambini malnutriti nelle zone in cui opera

I bambini della R.D. del Congo ci tenevano a fare gli auguri a tutte le persone che li stanno sostenendo con tanta generosità e Padre Querzani si è incaricato di farti arrivare attraverso di noi le loro piccole voci.
Ci uniamo a questo augurio, che sia per te una Pasqua di gioia da trascorrere con le persone più care e ai bimbi di Bukavu, che anche se tanto lontani sono con te ogni giorno e sentono l’affetto che gli mandi.

Insieme agli auguri, Padre Querzani ci manda gli aggiornamenti riguardo le zone in cui opera: purtroppo la situazione politica è sempre più instabile e i bambini che soffrono a causa di questi problemi stanno aumentando.

Chi è per noi

Padre Giovanni Querzani

Originario di Brisighella, è stato ordinato sacerdote nel 1968. Dopo aver conseguito un diploma in Belgio in medicina tropicale, è partito per il Congo dove da decenni si occupa dei bambini e delle loro mamme. Opera nella zona di Bukavu, vicino al confine col Rwanda, dove ha messo in piedi una serie di iniziative sanitarie e di sviluppo economico per aiutare le persone più in difficoltà a rimettersi in piedi.

L’incontro con Fonte di Speranza avviene nel 2006 e da allora, grazie ai nostri sostenitori, lo supportiamo in moltissime attività: il centro nutrizionale per bambini colpiti da malnutrizione; la casa famiglia Tupendane; il Centro Sociale Tusaidiane per l’insegnamento del taglio e cucito a mamme con bimbi malnutriti;la costruzione di casette per chi non ha accesso nemmeno a una capanna.

«Cari Amici,

ci stiamo avvicinando a Pasqua. Dopo il Santo Natale, è la Festa centrale di tutto l’anno.
Una festa che parla di “risurrezione”, “liberazione”, “vittoria sul male e sulla morte”.
Proprio quello a cui aspira questo popolo congolese così martoriato e a cui aspiriamo anche tutti noi, se non altro sul piano spirituale.
Non posso quindi mancare di inviarvi, anche a nome di tutti i nostri bambini e dei miei collaboratori locali, i nostri più sinceri e sentiti AUGURI.

I Bambini della Casa-Famiglia Tupendane con Padre Giovanni Querzani

E approfitto anche per inviarvi qualche notizia di ciò che attualmente stiamo facendo.
Constato con vivo rammarico che l’intenzione che avevo di scrivervi più spesso non si è attuata. Non per dimenticanza o negligenza, ma per un accumularsi di impegni.

In questi cinque mesi dopo il mio rientro in Congo si è sprigionata in me tutta una effervescenza di idee e prospettive volte a intensificare le attività sociali a favore dei nostri bambini congolesi.
Non per il gusto di strafare, ma perché lo esige la situazione sempre più critica di questo Paese in cui si sta affermando una brutale dittatura con conseguenze pesantissime su una popolazione già così duramente provata da una povertà molto diffusa e da una insicurezza permanente.
I bambini malnutriti che frequentano il nostro Centro Nutrizionale di Kadutu sono di settimana in settimana sempre più numerosi.
Li accogliamo a braccia aperte e con tanta compassione, anche se nutrire centinaia di bambini comporta uno sforzo economico sempre più grande.
Anche nella nostra Casa-Famiglia “Tupendane”, così siamo soliti chiamare la nostra Casa di accoglienza dei bambini in condizioni di maggior disagio e sofferenza, il numero dei bambini è notevolmente aumentato: attualmente sono più di 40! Alcuni di loro sono molto piccoli.


Bambini di BukavuLe “mascotte” sono una bimbetta di pochi mesi assieme alla sorellina di un anno più grande che alcuni mesi fa sono state portate da noi in condizioni pietose. Abbandonate dalla loro mamma (una giovane prostituta che, dicono, si drogava fumando marijuana) che le aveva chiuse col lucchetto in una stanza di una squallida baracca. Attirati dal pianto ininterrotto delle due povere creature i vicini le avevano sottratte da quella misera prigione portandole da noi.
Nessuno sapeva il loro nome, né il nome della loro mamma. È stata mamma MERIDA, la responsabile della Casa-Famiglia, che dopo averle segnalate alle Autorità, si è preoccupata di dare loro un nome : alla più piccola MARIA e alla più grandicella TERESA.
Al termine della loro triste e drammatica vicenda hanno trovato nella nostra Casa il tepore di una famiglia: delle mamme piene di affetto e tante sorelline e fratellini coi quali crescere serene superando poco a poco il trauma vissuto.

 

Non solo loro, ma ognuno dei bambini che vivono in questa grande Famiglia ha vissuto situazioni di grande sofferenza ritrovando tra le pareti di questa Casa-Famiglia la salute del corpo e la gioia di vivere. Tutto questo grazie alla dedizione premurosa e piena di affetto delle nostre eccezionali mamme che li accudiscono: mamma MERIDA, la responsabile e forza motrice della Casa, ADELAIDE, la nonna laboriosa e paziente, FAIDA, l’infaticabile lavandaia, AZIZA, la brava sarta, ERNESTINA e MARIA REGINA, le due cuoche del Centro Nutrizionale e della Casa-Famiglia, e altre mamme che vengono di tanto in tanto a dare una mano.
Senza parlare di FRANCINE, ESPERANCE, MAPENDO, FAIDA, JOELLE, MARLENE… le ragazzine già adolescenti, che dopo essere cresciute nella Casa-Famiglia e aver seguito i corsi di taglio e cucito, sono tornate in questa casa dove, oltre a lavorare nel piccolo Laboratorio di sartoria, aiutano i i bambini più piccoli imparando l’arte di diventare delle brave mamme.

Il problema che si pone ora è che la Casa-Famiglia diventata piccola è per un numero così grande di bambini. Manca lo spazio necessario sia per i dormitori, sia per il gioco. All’inizio di quest’anno La Provvidenza ci è venuta incontro offrendoci l’insperata fortuna di poter acquistare la parcella attigua, dove c’era una grande sala di raduno di una delle tante Sette religiose che pullulano in città.
Dall’inizio del mese di febbraio abbiamo iniziato i lavori di demolizione di quella specie di capannone-chiesa per ottenere un ampio spazio di gioco per i bambini.
Poi ci è venuta l’ idea luminosa di utilizzare al meglio quello spazio provvidenziale piazzando delle solide colonne di cemento armato ai lati di una parte di quell’area e farvi sopra una gettata di cemento armato, per potervi così costruire una ampia stanza per riunioni e altre due stanze.
Questi lavori sono già in corso e contiamo terminarli nel mese di maggio.

Per risolvere il problema dei dormitori ormai piccoli, attendiamo la fine della stagione delle piogge (verso la fine di maggio) per scoperchiare una parte dei locali della parte anteriore dell’edificio della Casa-Famiglia. Anche lì contiamo di fare una gettata di cemento armato e di costruire al piano superiore i dormitori più ampi di cui la casa ha bisogno.
Nell’attuale contesto socio-politico in cui viviamo questo Progetto è una vera sfida, ma ho deciso di farlo perché ho fiducia nella Provvidenza che in tutti questianni, in modo a volte anche sorprendente, non ci ha mai abbandonato permettendoci di far fronte ai bisogni essenziali di tantissimi bambini sofferenti.
Per terminare ho una sola parola da aggiungere: “GRAZIE” di tutto cuore a tutti coloro che offriranno il loro sostegno e la loro collaborazione per permetterci di portare a termine questo Progetto che vuole essere un segno eloquente che anche nelle situazioni più difficili, Dio sta sempre dalla parte dei più poveri e dei più bisognosi.
Buona Pasqua a tutti!»

Padre Giovanni Querzani
Assieme alle mamme e ai bimbi della CASA-FAMIGLIA “Tupendane” della Parrocchia di Kadutu a Bukavu, R.D. del Congo

Dai speranza a