Blog

Una lettera di Padre Bomoi per gli alunni della scuola E. Franceschini di Rho

I ragazzi della Scuola Media Superiore E. Franceschini di Rho (MI) hanno raccolto dei fondi per sostenere l’Ambulatorio-Maternità di Kemba

In seguito alla conferenza tenuta dal nostro Presidente Diego Sportiello sulle nostre iniziative in Congo, Padre Bomoi ci ha inviato una lettera per ringraziare i ragazzi della Scuola Media Superiore E. Franceschini di Rho (MI) che hanno raccolto dei fondi per sostenere l’Ambulatorio-Maternità di Kemba. Dopo averla condivisa con le professoresse e gli alunni, siamo felici di pubblicarla all’interno del blog.
Grazie a Padre Bomoi e a tutte le persone che hanno reso possibile questo piccolo ma straordinario evento!

Padre Bomoi scrive al nostro Presidente Diego Sportiello per aggiornarci e mandarci delle foto:

Chi è per noi

Padre Jean Willy Bomoi

È un parroco di origini congolesi da anni stabilitosi a Roma. Siamo entrati in contatto con lui qualche anno fa perché aveva un sogno: realizzare un piccolo ambulatorio-maternità nel suo sperduto paese di origine, Kemba. I nostri sostenitori hanno trasformato questo difficile progetto in realtà e adesso circa 200 donne all’anno possono dare alla luce i loro bambini in sicurezza. Continuiamo tutt’ora a sostenere l’opera di Padre Bomoi e di questa struttura.

Ritratto di Padre Jean Willy Bomoi

«Gentile Presidente Diego,

Colgo l’occasione per dire sinceramente grazie per l’iniziativa promossa da Fonte di Speranza per sensibilizzare gli alunni e raccogliere contributi per la maternità di Kemba. L’iniziativa è ricca di propositi perché aiuta i nostri giovani a capire le situazioni nelle quali stanno vivendo certe persone su questa terra. Perciò, ringrazio di cuore tutti, sia voi di Fonte di Speranza sia gli alunni e quelli che hanno autorizzato questa iniziativa.

Come Lei sa, a Kemba 1 euro basta a salvare la vita di un bambino che nasce. Gli ammalati oppure le donne che devono partorire giungono al nostro dispensario di Kemba a volte senza avere un euro a mano. La povertà è così forte che è difficile procurarsi un po di soldi. Si pone quindi un serio problema di accessibilità alle cure mediche. Meno male che il vostro dispensario Fonte di speranza di Kemba sta andando incontro a tante persone per avere le cure con tutta la dignità.

Con i 50,00 euro raccolti nelle scuole, l’infermiere titolare del dispensario comprerà le medicine e aiuterà sicuramente una delle donne in gravidanza che preferiscono partorire a casa per mancanza di soldi invece di venire a partorire nel nostro dispensario, evitando così tutti i rischi possibili.
Ringrazio quindi per quanto fatto e quanto continuerete a fare per sostenere questa gente così abbandonata e martoriata.
Mi è gradita l’occasione per porgervi i mie cordiali saluti e dirvi quanto apprezzo le iniziativi di Fonte di Speranza per le popolazioni disagiate.

Con affetto e ringraziamento»

Padre Jean Willy Bomoi
Kemba, R.D.del Congo

Dai speranza a